We are using cookies in order to offer you the most relevant information. We have published
new Cookie Policy which you should read to find out more. more
Please accept cookies for optimal performance.

A differenza di altri dispositivi di monitoraggio a distanza, CHART è approvato per l'uso nelle cure primarie, fin dal primo contatto che il paziente ha con il sistema sanitario.


Cardio-HART™ o "CHART" è un innovativo dispositivo di diagnostica cardiaca che ha ottenuto l'approvazione CE, giusto in tempo per affrontare l'eredità della cardiopatia associata al COVID-19 e contribuire a ridurre le liste d'attesa travolgenti. Ciò che rende CHART così notevole è che è indicato per l'uso nella Teleassistenza Primaria, il primo punto di contatto che il paziente ha con il sistema sanitario.

I pazienti tendono a vedere i loro medici di base per una serie di motivi e spesso si perdono l'opportunità di affrontare le questioni relative alle malattie cardiovascolari (CVD). Non sorprende quindi che i pazienti passino anni senza sapere di essere a rischio. Dopo quindici anni di lavoro, Cardio-HART™ arriva in tempo di pandemia per assistere nella gestione della CVD, che è un fattore di rischio elevato per le persone con COVID-19.

Cardio-HART™, è ora un sistema certificato CE che combina un dispositivo medico per catturare i bio-segnali fisiologici del cuore e un dispositivo per l'analisi diagnostica cardiaca basato sull'Intelligenza Artificiale (AI), che insieme garantiscono alti livelli di efficacia nella diagnosi cardiaca, trasformando le cure primarie e la telesalute nella nuova linea di assistenza cardiaca.

I limiti dell'elettrocardiogramma (ECG) e la mancanza di innovazione tecnologica hanno portato a uno dei problemi più intrattabili nelle cure primarie, ovvero "sapere quando mandare il paziente in cardiologia", dice Sandor Khoor, primario di cardiologia.

    "Troppo spesso i pazienti vengono inviati in cardiologia troppo tardi, di solito quando i sintomi sono evidenti e per allora si può fare poco per loro.

Cardio-HART™, è in grado di rilevare e diagnosticare il 95% di tutte le malattie cardiache significative e comuni, per prevalenza. Rispetto al 44% degli ECG, si tratta di un'entità di differenza in termini di efficacia.

In uno studio clinico approvato dalla FDA su oltre 560 pazienti, "i medici di medicina generale che utilizzano CHART hanno aumentato la loro efficacia diagnostica di oltre il 250% rispetto ai loro colleghi che utilizzano i più avanzati sistemi ECG/EKG all'avanguardia", ha riferito Drazenka Zoraja, Direttore della Ricerca Clinica per Cardio-Phoenix in Europa.

Ha anche confermato che l'indecisione diagnostica è aumentata da oltre il 40% per i medici generici che usano ECG a meno del 4% per i medici generici che usano CHART.

"La telemedicina è il futuro delle visite dei pazienti dal medico, soprattutto perché aiuta a mantenere le linee guida di sicurezza dell'allontanamento sociale"... conferma Ivana Krizanovic, specialista in questioni normative presso la Cardio-Phoenix in Europa. "La telemedicina cardiaca giocherà un ruolo chiave non solo durante la seconda ondata, istituendo centri di test sicuri, ma anche in futuro, quando i sistemi sanitari si riavvieranno nel tentativo di ridurre le infinite liste d'attesa causate da Covid-19, e di adempiere alla sua eredità di malattia cardiaca associata che prefigura la guarigione", sottolinea Krizanovic.

Secondo le linee guida Cardio-Phoenix, i sistemi sanitari devono essere ripristinati e le innovazioni come Cardio-HART™ contribuiranno a soddisfare tali esigenze in modo efficiente ed economico, soprattutto quando la telemedicina diventerà la nuova linea di punta dell'assistenza primaria: la telemedicina cardiaca contribuirà a portare il peso sulle nuove linee di assistenza cardiaca.

CHART non è solo per i medici di base, ma anche per i cardiologi, fornendo loro informazioni rilevanti per guidare le decisioni cliniche relative ai test e al trattamento. Ciò è stato confermato dalla ricerca clinica, quando la comunicazione più comune tra il cardiologo e il medico di base era "Voglio vedere questo paziente" o "Non ho bisogno di vedere questo paziente". Con CHART, i cardiologi erano molto più sicuri di quali pazienti dovessero vedere e impedivano ai pazienti altrimenti sani di riempire le sale d'attesa.

 

Testo originale:

Revista El Hospital

Industria de tecnología médica

América Latina

 

Comments (0)

*your email will not be published

No comments.